NO TV

1 luglio 2008 § Lascia un commento

Altro che No Tav. Da un paio d’anni Claudia ed io stiamo sperimentando la vita No Tv.

Bellissima. Leggiamo di più, ascoltiamo più musica (sia quella buona dei cd sia quella più frivola delle radio), abbiamo più tempo.

Senza la TV in sala, quando si torna a casa dal lavoro non c’è più la tentazione di accenderla e di sedersi sul divano a perder tempo davanti a quella scatola. Si può ascoltare un buon disco, leggere un buon libro, dormire. Tutte cose che ora scopro essere più interessanti della televisione.

Alla sera una bella passeggiata, una serata con gli amici o un buon cinema sono molto più piacevoli, per noi, di una serata davanti al televisore.

Ieri sera siamo rimasti a chiacchierare in terrazza, godendoci il fresco inaspettato e commentando tutti gli splendidi lampi che sono scoccati con il temporale.

L’inghippo è quando si beve il caffè con i colleghi, quando si parla con i nipotini e i genitori, quando alla radio parlano di TV: ci sentiamo un po’ fuori dal mondo, sensazione che, sotto sotto, ci piace pure!

Non abbiamo gettato in discarica il televisore. Lo teniamo nella stanza degli ospiti, su un carrello, pronto ad essere usato. Ma non lo usiamo quasi mai (una serata al mese, circa) e generalmente per guardare un bel dvd.

Fa una certa impressione vedere negozi di HI-FI occupati di tutti i tipi di televisori, con prezzi stratosferici; fa una certa impressione la discussione sul digitale terrestre; fa molta impressione chi, attraverso la TV, truffa la gente (Berlusconi compreso). Mi dà molta soddisfazione sapere che, non guardandola, non faccio parte di chi contribuisce al denaro di quel personaggio. Perché non si può contestare il conflitto d’interessi alimentandolo guardando le sue televisioni (ormai tutte, quindi).

Chissà se sapremo mantenere questo stile di vita anche avendo dei figli, non ci metto la mano sul fuoco. Ma so che ora, stiamo benissimo così!

Annunci

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag tempo libero su l'uomo che verrà.