440 milioni buttati

25 febbraio 2009 § Lascia un commento

Riporto da “lavoce.info”:

400 MILIONI PER FAR FALLIRE IL REFERENDUM

Abbiamo in questo momento tre obblighi elettorali: elezioni europee, amministrative, referendum sulla legge elettorale. Il buon senso suggerisce di accorparle in un’unica scadenza. Ma il Governo ha deciso di abbinare in un’unica data soltanto le prime due consultazioni. E appare intenzionato a far tenere in data separata il voto referendario. Votare un altro giorno comporta un costo per la collettività di circa 400 milioni di euro. In tempi difficili come questi sarebbe bene utilizzare tali risorse per altri scopi.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo

Annunci

lettera agli amici del presidio dopo i fatti di sabato 6 settembre

9 settembre 2008 § Lascia un commento

Cari amici del Presidio,
Avete tutta la mia solidarietà.
Ma vi invito, per il futuro, a non offrire alla polizia alcun pretesto per scontri.
A chi giova infatti quel che è successo sabato? Purtroppo credo che giovi agli interessi del governo e dell’esercito USA.
Nonostante gli sforzi ammirevoli che fate per comunicare correttamente quel che succede, il cittadino medio è informato dalla RAI, da Mediaset e dal Giornale di Vicenza: fonti che non vogliono descrivere con obiettività quel che succede.
Quindi, per piacere, vi supplico: non diamo a chi fa disinformazione pretesti per dire che chi è contro il Dal Molin crea disordini. Se vogliamo che questo referendum funzioni (e mi sembra la migliore opportunità che abbiamo contro la nuova base) non dobbiamo offrire pretesti a chi è indeciso.
Spero che non prendiate male queste parole, ma ho paura che la questura voglia l’escalation della violenza, ho paura che i cittadini onesti ci caschino, ho paura che la nostra comune battaglia contro la nuova base naufraghi in una lotta tra chi è con la polizia e chi è contro la polizia. Questo non serve al No Dal Molin!
Con affetto, Nicola

Sostieni il sì

4 settembre 2008 § Lascia un commento

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag referendum su l'uomo che verrà.