Che strane cose che avvengono…

30 marzo 2009 § Lascia un commento

Intanto vi consiglio uno strepitoso articolo, soltanto un esempio di molti articoli che all’estero continuano ad uscire sulla situazione italiana: clicca qui per leggerlo, è apparso su un quotidiano olandese ed è stato tradotto da Italia dall’estero: sembra che in Italia nessuno si accorga della situazione in cui stiamo scivolando.

Conoscete Gioacchino Genchi?

Si tratta di una persona che ha contribuito a scovare e far condannare centinaia di criminali, ma che a un certo punto della sua carriera ha toccato interessi importanti, di politici. Quindi si è scatenata su di lui una campagna denigratoria senza senso, guidata dal governo con l’intento di far approvare la legge anti-intercettazioni.

Bene, è stato sospeso dal servizio di polizia perchè indagato, appunto, per abuso d’ufficio su una fattispecie di reato molto dubbia.

La cosa mi pare giusta, per un poliziotto. Ma c’è un altro fatto inquietante che mi fa riflettere: un poliziotto condannato in primo grado a 4 anni di reclusione per aver provocato violenze ingiustificate durante il G8 di Genova nel 2001. Tale persona, che risponde al nome di Vincenzo Canterini, non è mai stato sospeso ma anzi ora è addetto all’ambasciata italiana in Romania.

Perchè succedono queste cose senza che la stampa ne parli? Come si fa a guardare i telegiornali? Non c’è proprio niente di meno dannoso da fare?

Copio qui sotto un articoletto di Marco Ttravaglio sulla questione, apparso su L’unità:

Zorro
l’Unità, 25 marzo 2009

Il vicequestore Gioacchino Genchi, da 20 anni consulente dei giudici in indagini di mafia e corruzione, è stato sospeso dal servizio. Motivo: ha rilasciato interviste per difendersi dalle calunnie e ha risposto su facebook alle critiche di un giornalista. «Condotta lesiva per il prestigio delle Istituzioni» che rende «la sua permanenza in servizio gravemente nociva per l’immagine della Polizia». Firmato: il capo della Polizia, Antonio Manganelli. Se Genchi avesse massacrato di botte qualche no global al G8 di Genova, sarebbe felicemente al suo posto e avrebbe fatto carriera (Massimo Calandri, «Bolzaneto, la mattanza della democrazia»): Vincenzo Canterini, condannato a 4 anni in primo grado per le violenze alla Diaz, è stato promosso questore e ufficiale di collegamento Interpol a Bucarest. Michelangelo Fournier, 2 anni di carcere in tribunale, è al vertice della Direzione Centrale Antidroga. Alessandro Perugini, celebre per aver preso a calci in faccia un quindicenne, condannato in primo grado a 2 anni e 4 mesi per le sevizie a Bolzaneto e a 2 anni e 3 mesi per arresti illegali, è divenuto capo del personale alla Questura di Genova e poi dirigente in quella di Alessandria. Le loro condotte non erano «lesive per il prestigio delle Istituzioni» e la loro presenza è tutt’altro che «nociva per l’immagine della Polizia». Ma forse c’è stato un equivoco: Manganelli voleva difendere Genchi e sospendere Canterini, Fournier e Perugini, ma il solito attendente coglione ha capito male. Nel qual caso, dottor Manganelli, ci faccia sapere.

Annunci

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo Che strane cose che avvengono… su l'uomo che verrà.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: